English中文DeutschEspañolFrançais 日本語한국어Portuguêsру́сскийNederlands

Ospitare dei viaggiatori a lungo termine può offrire molti vantaggi e soddisfazioni. Ad esempio è possibile affittare il proprio spazio quando si è in viaggio, per non lasciare la casa incustodita oppure sfruttare l’opportunità per conoscere meglio i propri ospiti durante il loro soggiorno.

Florian e Theresa sono due Superhost che aprono le porte della loro casa nel sud della Germania e preferiscono accogliere ospiti a lungo termine. Ecco i loro 10 consigli per fare in modo che ogni soggiorno prolungato sia un vero successo:

1. Quando si tratta di prenotazioni a lungo termine, molti host nutrono un certo timore al momento di lasciare la loro casa nella mani di estranei per un periodo di tempo prolungato. Innanzitutto, non dobbiamo dimenticare che Airbnb si basa sulla fiducia e, benché gli incidenti accadano raramente, è sempre meglio prendere le dovute precauzioni: fornite quindi all’ospite tutti i prodotti di pulizia necessari, tra cui un aspirapolvere, una scopa, una paletta, sacchi per l’immondizia, un secchio per lavare i pavimenti, strofinacci e così via.

Se fate le pulizie regolarmente durante il soggiorno dell’ospite, correte il rischio di offrire un servizio aggiuntivo, finendo per assomigliare a un albergo. A seconda degli standard del vostro alloggio, potreste consigliare all’ospite di utilizzare un servizio di pulizia locale.

Creare un alloggio esteticamente bello, originale, tollerante e che richieda sforzi di manutenzione minimi è una forma d’arte. Nella migliore delle ipotesi, andrete talmente d’accordo con il vostro ospite che la porta della vostra stanza sarà sempre aperta. Offrite prenotazioni a lungo termine solo se vi sentite a vostro agio nel farlo e informatevi sulle eventuali leggi applicabili, altrimenti qualche soggiorno rischierà di togliervi il sonno.

2. Se desiderate aprire le porte della vostra casa per soggiorni più lunghi, andate su “Gestisci gli annunci”, selezionate “Prezzi e disponibilità”, “Disponibilità” e, infine, “Soggiorno massimo”. Impostate il numero massimo di notti per cui desiderate offrire il vostro spazio: noi, ad esempio, lo abbiamo impostato su 3.000 notti.

3. Tenere aggiornato il calendario è importantissimo. Decidete se affittare il vostro alloggio anche quando siete fuori o solo ed esclusivamente quando siete in viaggio. Una volta che gli ospiti si saranno ambientati, non avranno bisogno di voi perché seguiranno già le regole della casa e le vostre raccomandazioni. Tenete presente che, spesso, le prenotazioni a lungo termine sono programmate per tempo, a volte anche con sei mesi di anticipo. Se è troppo limitativo per i vostri gusti, nella finestra di prenotazione del vostro calendario, in “Prezzi e disponibilità”, potete impostare con quanto anticipo può essere prenotato l’alloggio.

4. Naturalmente, fissare le impostazioni sul prezzo spetta unicamente a voi. Tuttavia, potendo decidere il prezzo, avete un controllo anche sull’interesse generato dalla vostra offerta relativa alle prenotazioni a lungo termine. Potete scegliere, quindi, di impostare uno sconto per questo tipo di prenotazioni da “Prezzi e disponibilità” in “Disponibilità” e “Sconti”. Detto in parole povere, è importante valutare i pro e i contro tra l’avere entrate consistenti, tanto lavoro ed eventuali buchi tra una prenotazione e l’altra rispetto a uno scenario con meno lavoro e ricavi inferiori ma garantiti.

5. Chiedete agli ospiti che cosa si aspettano da un soggiorno a lungo termine: ad esempio, se cercano un posto in cui lavorare, se hanno spazio in abbondanza per le loro cose, se serve loro una credenza dove conservare gli alimenti e così via… Se un ospite è interessato a un soggiorno prolungato, assicuratevi che il vostro alloggio sia in grado di soddisfare le sue esigenze. Un ospite che si ferma solo 2 notti potrebbe non aver bisogno della cucina, ma non poter usufruire dei fornelli per 3 mesi rischia di diventare un problema, soprattutto se non è stato specificato chiaramente in anticipo. Considerate i limiti che il vostro alloggio potrebbe presentare per prenotazioni a lungo termine e parlatene con gli ospiti.

Ad esempio, se affittate il vostro studio, ricordatevi che sarà occupato da un ospite per un periodo di tempo prolungato. Evitate quindi di entrare di continuo per non invadere la sua privacy.

6. Per le prenotazioni a lungo termine, potrebbe essere necessario allungare la lista delle regole della casa. Se il vostro ospite cucina ogni giorno alle 2:30 del mattino, potrebbe non disturbarvi troppo nel caso in cui si fermi appena 3 giorni. Ma se la cosa si ripete ogni notte per 4 mesi, potrebbe infastidire persino i tuoi vicini. Vi aspettate che l’ospite contribuisca ai lavori domestici, come un normale coinquilino? Alcuni host fissano persino dei turni di pulizia. Se è il vostro caso, oltre al fatto che le spese di pulizia non verrebbero addebitate, informate i vostri ospiti sulle regole della casa prima che procedano alla prenotazione, senza mai dare per scontato che abbiano letto tutto quello che c’è da sapere.

7. Illustrate all’ospite tutte le eventuali limitazioni che il vostro alloggio può presentare. Ad esempio, potreste non gradire che inviti la sua dolce metà un fine settimana sì e uno no o che porti qualcuno a casa senza avvisare. Decidete se consentire o meno all’ospite di ricevere posta al vostro indirizzo o di utilizzare la lavatrice, oppure informatelo sulle lavanderie presenti nei dintorni.

8. Avete trovato un ospite a modo e concordato un prezzo? Bene, ora è giunto il momento di richiedere il pagamento. Se l’ospite trema all’idea di dover pagare 4 mesi in anticipo, potete rassicurarlo: per le prenotazioni a lungo termine non è richiesto il pagamento dell’intera somma in anticipo ma solo del primo mese (i primi 30 giorni). Per maggiori dettagli consigliamo di leggere questo articolo del Centro Assistenza.

I pagamenti successivi vengono riscossi su base mensile: il secondo pagamento è quindi previsto alla fine del primo mese di soggiorno e così via.

9. L’ospite ha confermato la prenotazione, il calendario è bloccato, ma all’improvviso cambia idea. A seconda dei termini di cancellazione da voi scelti, gli ospiti potrebbero avere la possibilità di modificare la prenotazione fino a 30 giorni prima del loro arrivo senza il consenso dell’host. Pertanto dovrete accettare qualsiasi modifica alla prenotazione entro 30 giorni dall’arrivo.

10. A volte può succedere che un ospite cambi i suoi programmi anche durante il soggiorno e decida di annullare la prenotazione lasciando la casa prima del previsto. In questo caso, è molto probabile che perda una discreta somma. Se doveste riuscire a riaffittare il vostro alloggio, potete offrire una sorta di rimborso all’ospite. Pensateci, i soldi e il karma vanno spesso a braccetto. ;-)

Partecipate alla conversazione nel Community Center per leggere altri consigli o per condividere le vostre esperienze personali.

In base alla lunghezza della permanenza del tuo ospite, ti consigliamo di informarti sulle eventuali norme locali relative ai soggiorni di periodi più lunghi.